Impossibile fermare le onde: infinitamente si dondolano sospirano viaggiano corrono urlano.
Impossibile vivere il momento, semplicemente perché il momento non esiste: ogni attimo include quello passato e quello che verrà appena dopo.
Come onde viviamo in un flusso continuo: si vive NEL moVImento.
Non siamo eterni, però siamo fatti di eternità.
La stessa eternità di cui sono fatte le parole, le immagini, la musica.

L'amante

Una mano insegue un profilo
che conosce
su una tela lunare
venata di fragilità.
La sfiora la accarezza la scuote
coi suoi polpastrelli
di nero sangue.
Il foglio si impegna a non reagire
se ne sta, crede
bianco inerme àtono
ad aspettare.
Si finge un essere inanimato
pensa si possa mentire.
Il manipolatore invece sa
la tortura inflitta alla sua preda
e a poco a poco toglie
la maschera del suo pudore.
La carta sussulta sotto la pelle di lui
tremolante la superficie che geme,
palpita.
E poi, nulla più
appanna le sue ombre.

Post-XM



01/10/17 01:00, Post-XM

Magma infranto sulla scogliera
che circonda il mio cuore.
Il mare ci fluttua dentro,
e il fuoco rimbomba da fuori.
Dentro è solo acqua, fluida, frenetica,
si scaglia contro le pareti rocciose
che si frantumano fino a sciogliersi
tra fuoco e mare.
Un io che non si basta,
che cerca Altro senza mai trovarlo.
Va Altrove e perde
la via del ritorno.

Quando il fuoco arriva dentro,
lo senti far terra bruciata,
lo senti l'incendio che dilaga.

Poi è solo musica, sottofondo di vita.
Rifletto e mi rifletto allo specchio,
Satie mi guarda dallo schermo del PC
aperto su Youtube con Gnossienne, 5. Modéré,
e io mi rifletto in lui e mi guardo.
Rifuggo da me. Mi cerco, e non mi trovo.
Mi scopro di soppiatto,
e fuoriesco a tratti senza preavviso,
ma senza mai coincidere con me stessa,
senza arrivare all’orgasmo.
È difficile penetrarmi, mi ribello a me stessa,
mi nascondo come un topo nel sottosuolo.

Donna del sottosuolo, che fatica starti dietro.